Dalle figurine alle graphic novel, immagini italiane d’Oriente

ANSAMED

Uno dei fumetti che raccontano l'Oriente il mondo arabo
Uno dei fumetti che raccontano l’Oriente il mondo arabo

NAPOLI – Raccontare l’Oriente, il mondo arabo e poi ancora più in là, fino all’India, attraverso le illustrazioni, i fumetti, le fotografie. E’ questo il viaggio nella storia che intraprende oggi e domani l’Università Orientale di Napoli con la due giorni di incontri internazionali sul tema “L’Oriente illustrato: l’immaginario italiano sul Medio ed Estremo Oriente attraverso un secolo di illustrazioni, fotografie e fumetti”, che si svolge al Palazzo du Mesnil, la sede dell’Orientale sul lungomare partenopeo. Il convegno, organizzato da Roberta Denaro, docente di Lingua e letteratura araba, affronterà il rapporto tra narrazioni e immagini in “Le mille e una notte”, ed esplorerà l’archeologia pop con la relazione di Michele Bernardini sul tema “Popoli, paesi e religioni d’Oriente nelle figurine Liebig”. Tra i momenti più interessanti spicca anche il tema affrontato da Monica Ruocco “Stereotipi in copertina: come vendere la cultura araba in Italia”. Per il fumetto, la discussione si incentrerà su due momenti: dapprima si offrirà un quadro del fumetto italiano rispetto ad un preciso momento della storia del nostro paese, quello della realizzazione del sogno imperiale, della conquista di un territorio altrove rispetto al suolo patrio. Ad esempio, agli inizi del Novecento è rappresentata un’Africa dell’avventura, l’Africa nera della caccia. In questo “paesaggio” i nativi fanno solo le comparse, come suppellettili in un arredamento di foresta o deserto in cui l’elemento determinante, centrale, è il leone da cacciare e la popolazione non ha storia, né civiltà.
Poi, via via che iniziano le conquiste italiane, e le varie sconfitte, l’africano nei fumetti diventa il nemico, in particolare gli Etiopi verranno quindi caratterizzati come traditori, infidi, briganti selvaggi, dediti alla tortura e allo schiavismo. La seconda parte della sezione dedicata al fumetto esplora invece le graphic novel contemporanee con due autori molto apprezzati Ciaj Rocchi e Matteo Demonte, autori di “Primavere e autunni” e Paolo Castaldi, autore di “Etenesh, l’odissea di una migrante”, che dialogheranno con il docente dell’Orientale Alberto Manco sul tema “Disegnare l’Oriente oggi”. “Il seminario ripercorre da una prospettiva solo apparentemente marginale 100 anni di storia italiana permettendo di cogliere in maniera immediata, visiva, i cambiamenti della prospettiva con cui la società italiana ha guardato l’altro”, spiega la Denaro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: